HOSTGUESTcasetta

Articoli del Blog

Torna al Blog

13/12/2017, 17:10



Ilice-di-Carlino


 L’Ilice di Carinnu o di Carlino è un leccio (Quercus ilex) secolare, tra i più maestosi monumenti vegetali dell’Etna. Sostare sotto la sua chioma è un’esperienza che fa sognare perchè ha visto passare circa 700 anni di storia.



L’Ilice di Carinnu o di Carlino è unleccio (Quercus ilex) secolare, tra ipiù maestosi monumenti vegetali dell’Etna, che merita senz’altro una visita.Sostare sotto la sua chioma è un’esperienza che fa sognare, perché nel corsodella sua esistenza ha visto passare circa 700 anni di storia.

 

L’ albero con un tronco imponente erami molto robusti, è alto circa 25 mt ed ha un diametro delle fronde di circa30 mt;  si trova a 937 mt s.l.m.,all’interno di un bosco in territorio di Milo.

Per raggiungerlo a piedi o in MTB sipercorre un sentiero ripido che attraversa un fitto bellissimo bosco misto dicastagni, querce, roverelle e ginestre.

 

COMEARRIVARE

 

Portarsi su Milo (circa 24 Km daCatania), superare la Chiesa madre lasciandosela sulla destra, ed imboccare laprima traversa a sinistra (di fronte ad una pizzeria chiusa) per proseguire finoad arrivare ad un incrocio. A questo punto è possibile scegliere tra duevarianti.

 

Variantelunga: posteggiare l’auto nei pressidell’incrocio e proseguire a destra per una salita asfaltata che costeggia lacava di roccia lavica. Superata la salita e lasciata la cava,

si continua su una strada sterrata;ignorare la prima traversa a sinistra e proseguire

fino a quella successiva dove sitroverà la segnaletica per l’Ilice diCarinnu. Sul sentiero si noterà ad un certo punto, un cancello chiuso inlegno con una doppia scala; non scavalcarlo e proseguire. Successivamentevicino ad uno slargo, si incontrerà altra segnaletica che ci indicherà ilsentiero che non dovrà mai essere abbandonato e che ci porterà al maestosoalbero Ilice di Carinnu.

Per ritornare all’auto, se ilpercorso è stato fatto a piedi e non si vuole ripercorrere la strada fatta,portarsi alla segnaletica vicino allo slargo e proseguire il sentiero indiscesa (il sentiero è molto scosceso e presenta gradoni pietrosi), fino adarrivare alla strada asfaltata che ci porterà all’incrocio dove è stata lasciatal’auto. In MTB il ritorno segue la stessa via dell’andata.

 

Variantebreve (solo a piedi): superarel’incrocio e posteggiare vicino al cartello che segnala l’Ilice di Carinnu.Imboccare il sentiero che si presenta ripido e pietroso, e percorrerlo fino a trovare sulla sinistra uno slargo con la segnaletica che indica una deviazionesempre in salita verso l’Ilice, e che ci condurrà al famoso albero. La stradadi ritorno è la stessa di quella dell’andata.



15/04/2017, 16:11



Etnacomics-2017


 Il settimo festival del fumetto e della cultura pop



                     ETNA COMICS 2017

Il settimo festival del fumetto e della cultura pop

Amanti della cultura giapponese, dei fumetti, del cinema, della musica e dei videogiochi, preparatevi! Torna a Catania il più grande festival del sud Italia.

L’etnacomics è un evento che nasce nel 2011 grazie al gruppo organizzativo Rakuen cosplay un’associazione culturale che promuove la cultura pop giapponese del cosplay,  con l’intento di creare un evento simile al Lucca comics, dallo stampo siciliano, per unire tutti i giovani appassionati di fumetti e manga. A Catania infatti, nonostante la presenza di fumetterie attive, e di giovani, e meno giovani, interessati alla cultura giapponese, non si era mai organizzata una fiera del fumetto.

Sin dalla sua prima edizione, quella del 2011, L’Etna Comics è diventato l’evento più visitato nella storia della struttura che lo ospita: Il centro fieristico Le Ciminiere Di Catania, che fin da subito si è dimostrata un’ottima location.

L’evento vanta la presenza di particolari figure che hanno rilievo in quest’ambito: fumettisti cosplayer,doppiatori, youtubers e cantanti come Cristina D’Avena e Giorgio Vanni presenti nelle precedenti edizioni.

La parte più frenetica dell’Etna Comics , è quella relativa al cosplay  contest, che permette ai giovani di dare sfogo alla propria fantasia travestendosi da personaggi di fumetti, videogiochi, cartoni animati e così via. Inizialmente, la parte relativa al contest veniva svolta in un unico giorno, l’ultimo. Oggi invece vi sono diverse distinzioni, a partire dal contest Disney, a quello di Harry Potter e di Naruto.  Anche se nasce come fiera del fumetto, a distinguerlo dagli atri eventi è proprio l’ambientazione siciliana, non a caso nei manifesti ufficiali dell’evento è quasi sempre presente il nostro vulcano o comunque simboli del tutto catanesi.  Spesso all’interno della fiera venivano disegnati fumetti relativi ad ambienti e protagonisti siciliani e tutti i ragazzi che volevano mettersi in gioco si cimentavano nel contest del fumetto siciliano.

Quest’anno dall’1 al 4 giugno avrà luogo la settima edizione del festival internazionale del fumetto e della cultura pop presso i centro fieristico Le Ciminiere di Catania, che spera di registrare, come negli anni precedenti, la presenza di visitatori provenienti da Spagna, Germania , Inghilterra, Austria e Francia, in una città perfetta per essere visitata a giugno, Host&guest sarà lieto di ospitarvi.

31/03/2017, 18:08



Zeppole-o-frittelle-di-riso


 Zeppole di riso dalla tradizione siciliana



                                          ZEPPOLE O FRITELLE DI RISO


Per la festandi San Giuseppe, che festeggia tutti i papà del mondo, è tradizione siciliana preparare le zeppole o frittelle di riso.


INGREDIENTI:

-        1 kg di riso

-        1 kg di farina “00”

-        1 bustina di lievito per dolci oppure 25g di lievito di birra

-        Scorza di arancia grattugiata

-        Olio per frittura

-        Miele quanto basta

PROCEDIMENTO:

Far bollire il riso in una pentola con acqua, lasciare raffreddare e riposare per qualche ora. Impastare il riso con la farina “00”in quantità uguali (1 kg di riso con 1 kg di farina). Aggiungere una bustina di lievito per dolci oppure, se si preferisce 25g di lievito di birra. Aspettare qualche ora per la lievitazione. Aggiungere una scorza di arancia grattugiata. Preparare il riso a tocchetti e friggere in abbondante olio. Per rendere le zeppole più croccanti, è opportuno friggerle 2 volte.

Servire le frittelle calde con una cascata di miele.



12314
Create a website